Maestro Bistrot e Cocktail bar, tradizione all’avanguardia a Roma

Si chiama Maestro, il nuovo elegante bistrot e cocktail bar aperto tutto il giorno, e tutti i giorni, accanto al Teatro dell’Opera di Roma. Pronto a conquistare la capitale con il suo stile europeo, una cucina all’insegna della rivisitazione dei piatti della tradizione e con l’allure tipica dei caffè dei primi del Novecento, è la risposta giusta a tutti coloro che sono alla ricerca di un locale in cui assaporare i prodotti della tradizione, lavorati con eleganza e sperimentazione e accompagnati da un’ampia selezione di etichette d’eccellenza e cocktail di livello.

In via Torino 144, angolo via del Viminale 23,  un gruppo di soci, già noti nel quartiere Esquilino, ovvero Daniel Camerini socio del “Ristorante Centro” ed Eli Guetta, uno dei suoi soci al locale “Amodei Banco e Bottega” a via Principe Amedeo, puntano ancora su questa zona con un locale dove sono i dettagli a fare la differenza, un ambiente avvolgente firmato dalla RPM Proget che ha saputo valorizzare i 110 mq di Maestro con la disposizione strategica dei suoi 56 posti a sedere.

Maestro Bistrot e Cocktail bar è un bistrot con cucina a vista sempre aperta per rendere i propri clienti spettatori delle varie lavorazioni, un locale luminoso, un salotto con boiserie in legno color panna, arredi in pelle e dettagli interessanti come le lampade in ottone, le piastrelle artigianali, uno splendido rivestimento verde smeraldo per il banco cocktail, una libreria che non ospita libri ma vini, grandi specchi che riflettono i vari angoli del locale, e le lanterne dell’area dedicata al banco mescita, che contribuiscono a donargli un fascino retrò.

In questo ambiente viene proposto il menu creato dallo Chef Salvatore Testagrossa (già chef di Centro) e realizzato dallo Chef Mirko Campoli, una proposta di qualità grazie ai prodotti provenienti da fornitori di fiducia come Roscioli, HQF, Pesca Pronta, e da piccoli produttori locali per la frutta e la verdura. Da Maestro si realizzzano piatti concreti con prodotti che seguono l’alternarsi delle stagioni, e una particolare attenzione alle tecniche di cottura (a basse temperature) e di conservazione, pietanze anche arricchite dalla realizzazione di polveri da essiccature, combinazioni per realizzare piatti delicati ma decisi nel gusto che lasciano assaporare tutti gli ingredienti,  giocando sui contrasti, colori, croccantezze e sapidità.

Da Bistrot e Cocktail bar c’è una proposta per ogni ora della giornata, partendo dalla colazione dalle 8 di mattina, la tradizionale e all’americana, passando per il pranzo dove è possibile gustare i piatti del giorno e quelli del menu alla carta, fino alla cena e un interessante aperitivo o un esclusivo dopocena fino alle 24.00. Tra gli antipasti interessanti il Carciofo alla romana con fonduta di pecorino romano, gel di puntarelle e polvere di bottarga, l’Uovo alla carbonara con albume cotto al vapore, tuorlo fritto, crema di pecorino,bacon croccante e crumble dolce, e la Super tartare con Fassona di manzo piemontese, birra doppio malto, pere abatein doppia consistenza, aria di parmigiano e maionese all’aceto.

Si spazia poi con la pasta fresca fatta mano per le tradizionali Cacio e Pepe, Carbonara e Amatriciana, fino alle ricercatezze, come il Tortello di Grana Padano profumato alla lavanda con crema di burro alla noce moscata e crumble di mandorle, o le Fettuccelle all’uovo home made con brodo di gamberi,pecorino allo zafferano, funghi chiodini e crumble di pane agli agrumi ed erbe aromatiche. Interessanti anche gli Gnocchi di castagne con topinambur, cozze, gamberi, rucola, salicornia e seppioline, e gli Spaghetti con vongole, bottarga e pesto di shiso. Variegati anche i secondi di carne e di pesce, come il Filetto di manzo al camino, 200gr. di manzo danese panato al pane panko e camomilla e accompagnato da patate schiacciate e maionese al cardamomo, o il Cube roll alla brace da 350gr, cipolla fondente, cubi di patate al burro e polvere di peperoni alla brace. Per chi ama la cucina del ricordo ci sono Le polpette di mamma Maria.

I secondi di pesce sono due con lo sfizioso Polpo alla plancia, servito con crema di piselli al cipollotto e limone, chips di carciofi, zenzero fritto e ribes candito, e il non scontato  Trancio di Salmone alla piastra qui accompagnato con cime di rapa, gel di asparago e crema di burrata d’Andria al limone, mentre saranno un Parfait alla nocciola con salsa al cioccolato, una Creme Brulée allo yogurt e vaniglia, e una Cheese cake ai lamponi a chiudere il pasto. La carta dei vini di Maestro è di livello, caratterizzata da grandi denominazioni e fortemente improntata su una sapiente selezione delle etichette, un centinaio in tutto, che ovviamente non dimenticano gli champagne.

Come detto Maestro è anche il luogo ideale per godersi un interessante aperitivo o un esclusivo dopocena nell’area dedicata al cocktail bar dove trovare un’offerta di drink esclusivi liberamente ispirati alla tradizione dell’Opera, cocktail ideati personalmente da Giorgio Peis in arte “SardWonder”. Da provare assolutamente sono l’“Aida”, a base di vodka, succo di lime, sciroppo alla cannella Goa e alloro, H.M. bitter pimento e fiori di malva e angostura bitter, ma anche il “Rigoletto” con gin, liquore al pino mugo, liquore al bergamotto, succo di lime, oleo saccharum limone, H. M. bitter chiodi di garofano, fiori d’arancio e pepe verde vanigliato, o il “Salomè”, sempre a base di gin, ma con liquore ai frutti di sambuco, succo di lime, H. M. sciroppo tè verde, H. M. bitter fiori di rosa chiodi di garofano, ibisco, peperoncino e menta.

Con queste premesse Maestro conquisterà anche i palati più difficili e i bevitori più attenti!

Qualche info:

Maestro – Bistrot e Cocktail bar

via Torino 144, angolo via del Viminale 23

Roma

06 4823693

Aperto tutti i giorni dalle 8.30 alle 24.00

viminale23@gmail.com

Rispondi