Amerina la Pizzetta nel padellino con le qualità di una tonda grande

Croccante sul bordo, morbida nel centro. Questa è Amerina la Pizzetta, 18 cm di impasto cotti su richiesta in tre minuti e mezzo in un padellino di antica tradizione abruzzese, una pizza a tutti gli effetti declinata il 19 golose ricette con condimenti semplici ma di qualità.

Mente di questa nuova insegna in largo dei Librari in pieno centro storico a Roma, è Paolo Angelucci un giovane 36enne che ha voluto modernizzare in versione street food la pizza cotta nel padellino, quello che gli ha fatto conoscere Amerina, la nonna paterna abruzzese. Unendo la sua passione per la ristorazione coltivata fin dall’adolescenza al suo passionale approccio con gli impasti è oggi arrivato , dopo svariate esperienze nel campo, a svilupparne uno tutto suo in questo nuovo progetto.

Quattro tipi di farine per un impasto indiretto con una quantità di lievito di 1 gr per kg, un impasto che matura per almeno 72 h per ottenere un risultato croccante nel bordo ma con un cuore morbido capace di contenere una serie di ottime materie prime. Si spazia dal pomodorino del piennolo Dop del Vesuvio al fiordilatte lavorato a mano dell’azienda ciociara Scarchilli, dalla stracciatella di Andria di un piccolissimo caseificio alle patate di Avezzano, dalle alici di Cetara al peperone dolce di Altino. E poi tanti altri ingredienti, anche bio, provenienti da piccole realtà scovate da Angelucci nei suoi viaggi in lungo e in largo per l’Italia alla scoperta di prodotti degni di Amerina la Pizzetta, che seppur piccola nelle dimensioni ha lo stesso gusto e consistenza della tonda classica. Una piccola grande pizza sempre condita con olio rigorosamente evo di ottima qualità!

Il suo amare la cucina ed il piacere per il buon cibo hanno fatto il resto portandolo a realizzare le 19 possibilità di scelta tra le sue pizzette da 100 grammi a prezzi più che accessibili (da 2.50 a 5 euro). Divise per tradizione ed evoluzione sul menu esposto a parete nel piccolo locale troviamo, in quelle della tradizione, la broccoli siciliani ripassati (leggermente piccanti) con salsiccia e fiordilatte,  quella con la patate di Avezzano e salsiccia, la Pepperoni con salame piccante, pomodori pelati bio e fiordilatte, gli Anni 90’ con prosciutto cotto, pelati bio e fior di latte, la Gran Formaggi  con gorgonzola e pecorino dop, provola affumicata e pepe nero, e la Provola e Speck con provola fresca affumicata, speck igp e pepe nero. Ovviamente ottima anche la Margherita e la Rossa Alici, sempre servite calde e croccanti al punto giusto per far esaltare i profumi dei condimenti.

Tra quelle dell’evoluzione non poteva mancare l’Amerina con pomodoro, tonno sott’olio, capperi siciliani, alici del Cantabrico, olive Leccino, fiordilatte ed origano, l’Angelucci con pomodori, guanciale di Amatrice, pomodorini del Vesuvio, pecorino dop e peperoncino, e la Magliocchetti con stracchino, prosciutto crudo di Parma, fiordilatte e rosmarino (Magliocchetti è un nome già sentito?Vi ricorda qualche cosa? Lei è Chiara una delle proprietarie di Pianostrada e Pianoalto, nonché socia di Amerina la Pizzetta e compagna di Paolo). Infine la Patatonica, con patate di Avezzano, fiordilatte, sale e pepe nero, apparentemente semplice ma dove ogni morso è una libidine!

Dulcis in fundo da Amerina la Pizzetta, quella con la Nutella che abbandona parte della sua croccantezza per farsi spalmare sopra con questa crema, farsi piegare a portafoglio e mordere.  Per chi non ama la Nutella c’è sempre un ottimo tiramisù, fatto con i Pavesini, servito in coppetta.

Quella di Amerina non è solo una storia fatta di amore e magia, è il profumo della pizza, di un ricordo che conforta, di una nonna che dall’Abbruzzo porta a Roma negli anni ’60 lo storico padellino “di nonna Amerina” per cuocere la pizza in casa per i nipoti… il resto lo sapete già!

Qualche info:

Amerina la pizzetta

Largo de’ Librari, 82  Roma

06 4549 5604

www.amerinalapizzetta.it

Rispondi