Claramì bistrot, appuntamento in quel di Frascati per assaggiare una cucina di qualità

Dalla passione di una donna nasce un interessante progetto ristorativo a Frascati, un bistrò gourmet che spicca tra le tante offerte turistiche della zona per la sua cura e qualità dell’offerta.  

Claramì Bistrò è il sogno realizzato di Claudia Minerva, appassionata gourmet e sommelier che al termine della sua carriera lavorativa ha ancora molte energie da spendere. Decide così di investirle nelle sue due passioni, trova uno spazio nella verde piazzetta del Mercato e inizia con il realizzare un piccolo locale.

Un posto funzionale dai colori chiari, con piccoli tavolini e sgabelli, legno e ferro, luci sospese con grandi cime, una parete-lavagna dove scrivere l’offerta gastronomica, uno spazio esterno per godere del fresco durante la bella stagione, scaffali per mettere ben in vista i vini che decide di far assaggiare anche al bicchiere grazie al supporto dell’estrattore Coravin, per non far rovinare le numerose bottiglie di livello che ha.

Poi in questa storia arriva lui, Andrea Ritarossi, un giovane e talentuoso chef cresciuto per sei anni nella cucina di Glass con Cristina Bowerman, un ragazzo che decide di camminare con le sue gambe anche se qui non ha i fuochi e deve esprimersi con marinature e cotture lente, sottovuoto e a bassa temperatura con il Roner.

Forse l’aspetto del locale ormai non rispecchia a pieno ciò che arriverà in tavola, ma se la sostanza conta più dell’apparenza qui di sostanza ce ne è…  eccome!

Con un menù di 21 piatti (compresi 4 ottimi dolci realizzati con maestria dalla proprietaria), e una carta dei vini che vanta 140 etichette dalle bollicine italiane ai champagne francesi, con vini delle più votate regioni italiane e vini del territorio, strizzando l’occhio a eccellenze estere sia del vecchio continente che di nuove realtà internazionali, il Claramì bistrot si presenta interessante e intrigante trovando il suo spazio tra le molte offerte di qualità emergenti a Frascati.

Largo spazio ai crudi di pesce e di carne che Ritarossi non banalizza mai nell’interpretare: un esempio ne è il Carpaccio di Ricciola con mirtilli, salsa di ostriche, nduja e limoneo la tartare di gamberi bianchi, con lassi alla menta, avocado e lime. Molto interessante il Salmone sashimi con panna acida alle erbe e mela in tre versioni, dalle carni tenere ma sode, dalla marinatura equilibrata e dal sapore ottimo (il pesce è tutto fresco e abbattuto a -35° dallo chef).

La carne scopre nuovi sapori con il Manzo thai con salsa wasabi, funghi Cardoncelli e salsa di gamberi  (di imperitura memoria). La Tartare di manzo affumicato con cipolla rossa agrodolce e aglio nero, o quella di Manzo con alici del Cantabrico, capperi e uovo di quaglia si sciolgono in bocca in un’esplosione di sapori e profumi.

Interessanti anche gli antipasti che partono da una Pappa al pomodoro con spuma di ricotta e cipolla rossa servita con o senza gamberi, per poi passare a degli Spaghetti di zucchine con pomodoro confit e limone o ad un cestino di verza, pere e gorgonzola. Ma su tutti vince il Manzo al vino  con wasabi, lamponi e arachidi.

Non avendo in menu pasta o riso, i piatti principali di Claramì sono un esempio di come si possono non rimpiangere i carboidrati, specialmente in una calda sera d’estate. Partiamo dall’ Uovo 65° con fonduta di parmigiano Vacche Rosse e asparagi (sostituiti da altre verdure quando non sono più di stagione), passiamo alla Triglia con stracciatella di burrata, limone, pistacchi e pomodori confit o all’interessante pesce bianco confit, katsuobushi ( non è una parolaccia), yuzu e cipollotto fresco. Approdiamo alle due versioni che lo chef ci propone del Maiale, quello in BBQ con cipollotto nella birra e mini pannocchie, e quello con le spuntature, o meglio “era una spuntatura” dove la carne viene sfilacciata e servita con chutney di mele e sgombro affumicato, un abbinamento insolito ma vincente.

Infine i dolci, che devo ammettere, sono ben eseguiti dalla proprietaria anche se non pasticcera professionista. La Cheesecake ha la consistenza di una nuvola con l’aggiunta della meringa italiana nella crema di formaggio, la Bavarese allo zafferano con lemon curd si culla in una base di streusel con farina alle mandorle, il Semifreddo allo yogurt bianco ha un cuore di  gelsi rossi di Sicilia. Ovviamente non poteva mancare il Tiramisù al caffè, che però potrebbe riservarvi una sorpresa.

Il sommelier di Claramì, non che docente AIS di Frascati, vi potrà consigliare sulla scelta e l’abbinamento del vino, o dello champagne se volete brindare con qualche cosa di speciale. Numerose anche le birre artigianali e cocktail da aperitivo, che qui è curato personalmente dallo chef ed è di qualità.

Bene questo è tutto, spero si sia capito che Claramì Bistrot mi è piaciuto!

 

Qualche info:

Claramì bistrò

Piazza del Mercato

Frascati (RM)

Il bistrò è aperto dal martedì alla domenica la sera per aperitivo e cena.

Venerdì, sabato e domenica anche a pranzo.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...