Il nuovo menu di Niko Sinisgalli, da Tazio la sua cucina mediterranea con contaminazioni esotiche e orientali

Un equilibrio sottile ma perfetto fra tradizione e innovazione. Una cucina, semplice, essenziale, realizzata con ingredienti sani, genuini, talvolta lasciati quasi immutati per esaltarli al meglio. Una creatività che diventa arte, espressione e linguaggio di uno degli chef più qualificati e promettenti del panorama italiano, un figlio d’arte e un poeta visionario della cucina italiana.

Questa la cucina di Niko Sinisgalli, chef executive dell’affascinante Ristorante “Tazio”, all’interno  di “Palazzo Naiadi – The Dedica Anthology”, nuovo brand del settore alberghiero di lusso in Piazza della Repubblica, dove si trova anche la Champagneria e la suggestiva terrazza Posh, sempre affidate alla sua cura.

Un ambiente raffinato quello del “Tazio”, che rende omaggio al fotografo-paparazzo Tazio Secchiaroli che ha reso indimenticabile il periodo della Dolce Vita, immortalando i divi di tutto il mondo, foto che qui ritroviamo sulle pareti. Nell’elegante palazzo ottocentesco, il design si sposa perfettamente con la filosofia del ristorante con elementi chiaro-scuro, marmi, giochi di luci e cristalli, in un’atmosfera calda e misteriosa, dove piccole salette assicurano riservatezza.

Niko Sinisgalli, con l’arrivo della primavera, rinnova il suo nuovo menù ancora una volta con una cucina sensoriale in grado di deliziare e incantare i palati più esigenti che cui soggiornano da tutto il mondo, come  Liam Neeson, Sofia Loren, il Dalai Lama, Richard Gere e Wilbur Smith.

Uno chef  in grado di tradurre in piatti unici la bellezza della nostra Penisola senza mai dimenticare le ricette tipiche, ma aggiungendo sempre un tocco innovativo, con uno sguardo sempre rivolto alle sue radici del Sud e la voglia di mixare i prodotti di tutte le regioni italiane, per ricreare una cucina mediterranea capace di esaltare i gusti e i sapori nel nostro Bel Paese, senza dimenticare le contaminazioni esotiche e orientali.

Prova ne è il suo Risotto al lime con cipollotto e tartarre di tonno, o il Carnaroli di Filighera mantecato con asparagi selvatici e pepe di Sichuan accanto agli Gnudi di ricotta caprina con riccioli di calamari e crema di piselli al limone, e gli immancabili spaghetti Felicetti alla “ Don Mario”, ormai la sua firma,  con salsa di pomodori vesuviani (leggermente piccante), a cui aggiunge un’abbondante spolverata di pecorino affumicato di Gavoi. Non mancano le Fettuccine home made integrali all’uovo livornese con fantasia di verdure primaverili, guanciale di Amatrice e cacio ricotta di Gallicchio, e i paccheri di Gragnano al ragù di polipo siciliano con salicornia e pomodorini datterini conditi al sentore di maggiorana.

Ma prima di un buon primo piatto un antipasto va preso. In menu, tra gli altri, troviamo l’ottimo Crudo di gamberi viola del Salento con quenelle di patate al sedano e stracciatella di Altamura, il filetto di Ricciola leggermente affumicato con sbrisolona di taralli croccanti e misticanza con spuma di sedano e le capesante alla piastra su crema di topinambur al lime, fumo di ciliegio e caviale Asetra.  

Tra i secondi esprimo bene il suo concetto di cucina mediterranea con contaminazioni esotiche e orientali, il Rombo al timo limonato e citronella su insalatina di frutta esotica e salsa al passion fruit, o nella Tempura di alghe con calamaretti e verdure primaverili con salsa agro piccante. A questi si affianca il Filetto di tonno siciliano in crosta di ostriche e peperoni cruschi di Senise con crema di topinambur, chips di Carcio e papate fritte al cerfoglio.

Non si può non terminare, tra i tanti dolci proposti da Sinisgalli che ha un vero e proprio amore per la pasticceria, con il “Quadro”, un dolce capolavoro che nasce dall’autentica maestria dello chef nel far incontrare la dolcezza con l’arte culinaria.

A fianco dello Chef, oltre alla Sua Manager ed ispiratrice Maria Rosito (nonchè sua moglie), un team prezioso formato da barman acrobatici e old style e dai Djset con Christian Marras, un team  che si esibisce ogni giorno a bordo piscina del Posh Terrazza, accompagnando con le loro performance i numerosi degustatori dello Champagne Pommery servito anche con le delizie del Caseificio storico di Altamura Stella DiCecca e i prodotti di bufala Campana della nuova apertura a Roma Delizie Campane.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...